..:: L'intervista

Paolo Di Gaetano e la sua passione per la corsa e per la musica - di LBM Sport Staff
23-02-2015

Nome: PAOLO
Cognome: DI GAETANO
Soprannome: MANDRAKE
Luogo e data di nascita: ROMA 09.11.1963
Altezza: 1,76
Segno zodiacale: SCORPIONE
Single o Ammogliato?: AMMOGLIATO
Figli?: NO
Animali?: Si,4 GATTI
Interessi/hobby: MUSICA


La passione: la corsa!



Come e perché hai iniziato a correre? Ho iniziato sin dai tempi della scuola per partecipare alle gare di istituto e poi a Corri per il Verde. Ho alternato la corsa (non agonistica) ad altri sport fino a che, cinque anni fa ho deciso di tentare la mia prima maratona affidandomi alle “cure” del coach Maurizio Mastrofrancesco.

Dove ti piace correre? Ovunque, possibilmente dove non ci sono macchine per conciliare gli impegni di lavoro, quasi sempre mi alleno sulla ciclabile vicino casa. Il massimo però è allenarsi in montagna

Che ricordi hai legati a quel periodo iniziale? Sicuramente la curiosità di misurarmi con una tabella di allenamento dopo avere corso tanti anni senza obiettivi precisi e la soddisfazione di vedere che potevo farcela.

Ricordi la tua prima gara? Assolutamente si. Escludendo il periodo giovanile, il mio ritorno all’attività competitiva è stato in occasione di una Corri per la Befana.

Come sei arrivato a LBM? Sono stato tesserato un anno con la società sportiva dell’Ente per cui lavoro e ho iniziato a frequentare il negozio LBM su consiglio di Maurizio ho scelto di passare ai colori bianconeri col senno di poi, è stata la scelta migliore che potessi fare.

Un momento da ricordare durante le tue innumerevoli sgambate. Gli allenamenti sia invernali che estivi sulla strada che da San Vigilio di Marebbe entra nel Parco Naturale di Fanes, attraversando un paesaggio che ferma il tempo e cancella la fatica della salita.

La tua migliore gara? La peggiore? Descrivile brevemente se vuoi. Se guardiamo esclusivamente il cronometro, la migliore è stata la Best Woman del 2014 in cui ho rotto il muro dei 40’ grande soddisfazione a livello di tempo finale alla Roma-Ostia e alla Speata dello scorso anno. Per la bellezza del percorso devo menzionare la Mezza Maratona di Merano che provo a correre ogni anno, mentre per il calore della gente la n.1 è la Maratona di Berlino. Non ho gare particolarmente negative da ricordare se non la Brunico- Campo Tures del 2014 in cui pensavo di fare leggermente meglio e di arrivare al traguardo con più lucidità.

C’è qualcosa che fai sempre prima di ogni gara? No, non sono scaramantico.

Quali sono le caratteristiche che useresti per descriverti come atleta? Sicuramente una testa dura, quasi mi sento male se sono costretto a saltare un allenamento. Per fortuna succede di rado ed in casi eccezionali. Purtroppo non ho uno stile di corsa bellissimo, dovrei migliorarlo per avere più efficienza ma dopo tanti anni è dura.

Il tuo sogno sportivo. Riuscire a poter fare attività il più a lungo possibile, indipendentemente dai risultati

Perché hai scelto questa fotografia? Come ho detto prima, trovo che allenarsi (e gareggiare) in montagna sia il massimo. Questa foto è stata fatta al Giro del Lago di Resia, una delle corse dolomitiche più belle insieme alla Cortina-Dobbiaco ed alla Mezza Maratona di Merano


Il dovere: il lavoro!



Che lavoro fai? Mi occupo di attività ispettiva per un Ente Pubblico

Ti piace? Soppesando i lati positivi e negativi (che ci sono in ogni lavoro), direi di si, ho la fortuna di operare in un buon ambiente con colleghi eccezionali e svolgo anche un lavoro interessante

Come sei arrivato a fare quello che fai? In modo assolutamente casuale, ho partecipato ad un concorso mentre frequentavo l’università: Onestamente, non ci contavo molto e di lavoro avrei pensato solo al termine degli studi, poi il destino ha deciso diversamente.

Cosa hai studiato? Liceo Scientifico e Laurea Magistrale in Economia e Management

Se avessi potuto scegliere il tuo lavoro, cosa avresti fatto? Non ho dubbi, qualcosa in ambito musicale (promoter, tour manager, ufficio stampa, indifferentemente).

Come concili il lavoro, la corsa e gli altri interessi? Con la massima flessibilità per incastrare gli allenamenti tra i vari impegni di lavoro nel tempo libero mi organizzo portando sempre “l’attrezzatura” con me, non si sa mai…Per quello che riguarda gli altri interessi, li gestisco abbastanza tranquillamente nei momenti in cui non lavoro o mi alleno.

Il tuo sogno lavorativo. Avere ancora una chance per potermi inserire di nuovo nello showbiz che ho frequentato negli anni passati e di cui ho un ricordo indelebile.

Perché hai scelto questa fotografia? Per mancanza di alternative! Il mio lavoro si svolge al 99% fuori da un ufficio e, pertanto, non ho foto che mi immortalano in attività. Infatti questa è un’immagine rubata durante una pausa caffè...


Il tempo che rimane: gli amici, la famiglia, gli altri interessi!



Cosa ti piace fare nel tempo che rimane tra lavoro e corsa? Viaggio ogni volta che posso permettermelo, anche solo nel weekend spesso vado in giro per fare qualche gara in altre Regioni oppure il viaggio è strettamente connesso a quello che dirò nella successiva risposta

Hai altre passioni oltre la corsa? Tante, La musica punk e lo sci in primis sono tifosissimo del Sudtirol FC (Lega Pro) infine, la montagna, anche d’estate (un po’ di mountain bike non fa male). Leggo moltissimo.

Chi è la tua famiglia? Mia moglie Marina ed il sottoscritto purtroppo non abbiamo eredi.

“Chi trova un amico trova un tesoro”... detto scontato ma quanto mai vero... che posto ha nella tua vita l’amicizia? Di tesori nella mia vita ne ho incontrati davvero tanti e me li tengo stretti. Molti Amici (sottolineo, con la “A”) sono lontani da Roma, li ho conosciuti girando per lavoro e per i miei hobby magari non ci incontriamo frequentemente ma so che su di loro posso sempre contare, sia per le “cose serie”, sia per condividere qualcuna delle passioni comuni.

E l’amore? Fortunato anche qui, siamo insieme da 21 anni lei asseconda con molta pazienza e infinito affetto il mio iper-attivismo e qualche pazzia il sottoscritto asseconda e condivide volentieri i suoi interessi, direi che è un mix perfetto.

Come ti piacerebbe immaginarti da qui a 20 anni? Chiedo la domanda di riserva!!!!

C’è qualcuno tra i tuoi amici o familiari che segue le tue imprese sportive? Come? Tutti maledettamente pigri! Anche solo per fare lo sforzo di alzarsi presto la domenica e spingermi per qualche metro…praticamente incollati al letto con l’Attack. Comunque li capisco, un conto è fare un sacrificio per veder correre un Baldini o un Mennea, una altro è vedere un Paolo Di Gaetano qualsiasi.

Perché hai scelto questa fotografia? Questa foto risale a tantissimi anni fa e mi vede in compagnia di Dee Dee Ramone, bassita dei mitici Ramones l’ho scelta per manifestare la mia passione per quel gruppo di cui sono stato amico e presedente del Fan Club e con il quale ho girato il mondo durante le loro tourneè. Una delle cose per cui mi ritengo un uomo fortunato.


Concludiamo l’intervista con un giochino: usa le iniziali del tuo nome per descriverti nei tuoi pregi e nei tuoi difetti!

Pacifico

Abitudinario

Old fashion

Leale

Ordinato