La postura corretta per la corsa

Categoria: Allenamento 

Postura corretta nella corsa. MIni guida con suggerimenti per correre in modo efficiente con una buona postura.

Base della tecnica di corsa è avere una buona postura. Infatti la posizione e il movimento coordinato di gambe, braccia e busto permettono di avere una corsa efficiente e di sfruttare al massimo le nostre energie. Sin dal primo momento in cui approcciamo questo sport dobbiamo tenere conto della postura corretta: corsa da principianti o da professionisti non importa, ciò che conta è imparare a seguire alcune semplici regole per imparare ad allenarsi bene, diminuendo anche il rischio di infortuni.

Vediamo come correre bene, senza farsi male:

Regole per correre con una postura corretta

Correre con una postura corretta e con una buona tecnica sono degli aspetti spesso sottovalutati dai runner.
D’altronde, quando iniziamo un nuovo sport spendiamo del tempo per capire le regole e assimilare la tecnica, perché con la corsa non dovrebbe essere la stessa cosa? C’è da specificare che non esiste una tecnica giusta per tutti e molto dipende dal fisico del runner, dal tono muscolare, dalla velocità e una serie di fattori che riguardano l’esperienza sportiva pregressa.

Per correre con una corretta impostazione del corpo ci sono delle regole sempre valide, facendo attenzione alla posizione di testa, spalle, gambe e braccia:

Testa

La testa deve essere allineata con la schiena e con il collo, lo sguardo rivolto sempre in avanti. L’istinto, specie quando non correte su pista, sarà sempre quello di guardarvi i piedi; è importante però farlo il meno possibile, solo se strettamente necessario e quando affrontate un percorso sterrato.

Spalle

Le spalle restano aperte in posizione naturale, con il busto leggermente inclinato in avanti e i muscoli mai contratti. Quando si corre è importante mantenere le spalle rilassate, senza irrigirle o chiuderle verso il petto.

Braccia

Le braccia si muovono inversamente rispetto alle gambe, questo significa che il braccio destro avanza con la gamba sinistra e viceversa. Il gomito forma un angolo di 90 gradi e le mani sono chiuse e rilassate, senza esercitare  forza.

Gambe

Le gambe non devono lanciarsi in falcate troppo lunghe, infatti questo tipo di corsa richiede molte energie e rende l’atterraggio e la spinta molto difficoltosi. La lunghezza del passo dev’essere naturale, senza sforzarsi di aumentarla o ridurla pensando di andare più veloci.

Appoggio

Quando si corre è importante che l’appoggio del piede avvenga con la parte mediale, evitando di atterrare sul tallone. Infatti la parte mediale è quella che ammortizza meglio, mentre il tallone risento molto di più dell’impatto con il terreno. Per questo motivo avere le scarpe adatte è fondamentale per avere una corretta postura, in particolare per pronatori e supinatori.

Postura della corsa in salita

La postura della corsa in salita può sembrare più difficile da rispettare, poiché lo sforzo aumenta e si tende a spingere l’intero corpo in avanti con l’impressione di faticare di meno. Anche qui basterà seguire qualche piccola regola per far sì che con i dovuti accorgimenti l’allenamento in salita risulti meno faticoso.

2 runner uomo e donna corrono in salita su scale

Come prima cosa, ribadiamo che l‘atterraggio sull’avampiede è quello corretto perché favorisce il rimbalzo; ricorda sempre di fare un po’ di stretching dinamico prima di iniziare a correre perché i polpacci vengono sollecitati durante l’attività fisica e uno sforzo a freddo potrebbe causare dolorosi strappi muscolari.

  • Non flettere il corpo troppo in avanti, mantieni la testa alta e noterai che anche la respirazione diventa più semplice.
  • Cerca di non cambiare andatura, ogni cambio di ritmo ti costa in termini di energia e penalizza la resistenza.
  • Tieni un passo radente al suolo.
  • Aumenta la frequenza del passo senza aumentare l’ampiezza.

Quando affronti una corsa in salita ricorda di seguire il tuo ritmo e non forzarti se non ce la fai, è importante che la frequenza cardiaca resti sui parametri che ottieni di solito quando ti alleni. Usa sempre tutto il corpo sfruttando le braccia come una sorta di bilanciere e ricorda che questi piccoli accorgimenti, se applicati con costanza nel tempo, portano a un miglioramento generale della resistenza e dei tempi della tua performance.

Postura per una corsa veloce

La postura in corsa veloce deve aiutare il corpo ad alleggerirsi, allungarsi e sporgersi leggermente in avanti come se venisse tirato da una corda. La postura corretta da assumere prevede dunque il tronco stabile, le scapole chiuse una contro l’altra, lo sguardo direzionato sempre davanti a sé e un giusto ritmo da scandire con l’aiuto delle braccia, che permetteranno alle gambe di coordinarsi meglio e muoversi con un minor sforzo.

Potrebbe interessarti anche:

Correre per dimagrire, consigli per l’allenamento

Come migliorare la resistenza nella corsa: consigli e allenamento

Correre in estate: consigli per allenarsi con il caldo