Hoka si presenta

Categoria: Consigli tecnici 

Scarpe Hoka uomo donna: il passato e il presente di un marchio che in poco più di dieci anni è divenuto sinonimo di running per sportivi e appassionati.

Confortevoli, belle e performanti: tre modi per descrivere le scarpe Hoka uomo donna

Hoka non è solo un’azienda produttrice di scarpe da ginnastica ma una realtà commerciale che nel giro di dieci anni è stata capace di reinventare il modo di fare running nelle sue numerose varianti. Mentre il resto del settore shoes era orientato verso modelli minimalisti, il brand d’oltralpe lanciava le suole oversize, diventando rapidamente un fenomeno di mercato. Dalla strada alla pista e poi al fuori strada, i prodotti Hoka hanno letteralmente tracciato un nuovo cammino da seguire. Il target di Hoka è molto eterogeneo, comprende sia uomini che donne, giovani e meno giovani, professionisti o semplici appassionati di sport.

Conosciamo insieme questo brand:

Hoka: le origini

Il brand nasce nel 2009 ad Annecy in Francia, per opera di Jean-Luc Diard e Niolas Mermoud, già nel settore delle calzature sportive in qualità di ex dipendenti del marchio Salomon. Tutto ha inizio quando i due soci fondatori hanno avuto l’idea di progettare un tipo di scarpa che consentisse di correre con maggiore sicurezza e velocità anche in discesa. Per fare ciò è stata realizzata una suola di grandi dimensioni, con un coefficiente di ammortizzazione maggiore rispetto alle omologhe in circolazione. Cercando di migliorare un singolo aspetto tecnico i due hanno creato una soluzione che si è dimostrata in grado di incrementare le prestazioni in ogni condizione e per tutte le tipologie di runner. I nuovi modelli si sono diffusi dapprima nella comunità dei corridori di ultramaratona, cioè nelle competizioni la cui distanza supera i 42,195 chilometri tradizionali.

La ragione era proprio la capacità di garantire stabilità, comodità e prestazioni ottimali anche su lunghi percorsi per via del cuscinetto più alto. Gli stessi atleti, sperimentando in prima persona l’efficacia del prodotto, hanno fatto da veicolo promozionale, trasformando un concept innovativo in un fenomeno virale. Dal road running (corsa su strada) al trail running (corsa in montagna), dal trekking al walking, qualunque sia la declinazione della corsa il comune denominatore diventa Hoka. Il nome del brand trae ispirazione da un termine della lingua Maori che può essere tradotto con l’espressione evocativa “volare sopra la terra”. Oggi la sede centrale dell’azienda si trova a Goleta in California come filiale della Deckers Brands, la società americana che ha acquisito il brand nel 2013.

Evoluzione di un nuovo modo di fare sport: le scarpe Hoka uomo donna ieri e oggi

Nel corso degli anni le scarpe Hoka hanno subito modifiche e implementazioni. Tentare di migliorare qualcosa già di per sé eccellente è stata una vera e propria sfida, facilitata però dal feedback degli utenti e dal loro utilizzo del prodotto direttamente sul campo. L’intersuola massimizzata rispetto alle classiche calzature da ginnastica era già di per sè una rivoluzione, ma è stata resa ancor più efficace con strati di schiuma CMEVA, raggiungendo uno spessore 2,5 volte superiore alle altre scarpe da running. È stata ridisegnata la tomaia, utilizzando il materiale MESH, resistente, traspirante, per maggiore sostegno e durevolezza. Le HoKa sono divenute così più leggere, più comode, resistenti all’usura e incredibilmente versatili.

Scarpe Hoka uomo donna e loro specifiche caratteristiche

ONE ONE ELEVON (da uomo). Appartenente alla famiglia Vanquish 2 di cui è ideale evoluzione, la Elevon fa parte della nuova collezione Fly, prodotto ideato per trarre il massimo dall’attività di running. Da evidenziare immediatamente l’intersuola dotata di tecnologia ProflyTM di ultima generazione, con doppia densità per appoggio morbido sul tallone e spinta sull’avampiede.

ONE ONE CIFTON 6 (da donna). Massima propulsione nella falcata, comodità, calzata stabile e fluida, tutto questo solo per iniziare a descrivere un modello di calzatura sportiva fatta per divorare la strada e dimenticare la stanchezza. L’intersuola in EVA assicura ammortizzazione incredibile, la tomaia è avvolgente e traspirante, mentre il concept Flat-Waisted offre per finire ottima aderenza e stabilità.

ONE BONDI 5. Decisamente il modello con il più alto coefficiente di ammortizzazione mai prodotto in casa Hoka. Indicato per la corsa su strada, in particolare su tragitti lunghi, per agevolare la falcata bilanciando il peso e rendendo il movimento più fluido. Dall’asfalto alla ghiaia l’intersuola incredibilmente spessa consente di macinare chilometri senza accusare la fatica, restituendo energia ad ogni passo. Il sistema di calzata avvolge il piede senza comprimerlo ma fornendo adeguato supporto e stabilità. La tomaia traspirante, grazie agli inserti termosaldati, contribuisce a regolare anche la temperatura interna, per un’esperienza comoda e piacevole. Quando la si indossa si ha la percezione di controllo con un notevole rapporto di leggerezza.

ONE VANQUISH 3. Leggerezza, comodità e maggiore effetto traspirante grazie alla nuova tomaia traspirante rispetto al modello Vanquish 2. Prodotto perfetto per chi desidera una calzatura super ammortizzata ma anche molto agile. La suola è arricchita con due strati in EVA Midsole, per uno straordinario assorbimento degli urti al suolo.

ONE CLIFTON 4. Upgrade della Clifton 3 questo modello è stato pensato sia per la competizione che per l’allenamento nel running. È stata aggiunta una maglia elastica traspirante sulla tomaia in Engineered Mesh, per un eccezionale effetto adattativo alla forma del piede. Più robustezza, peso inferiore e sostegno costante su qualunque distanza. Il design è stato modificato per una resa estetica più accattivante, ma il punto di forza resta sempre la morbidezza della suola che fa da cuscino ad ogni impatto con il terreno. Variazioni anche nella struttura, così il piede viene protetto dall’umidità, evitando la formazione di batteri. Il risultato finale è una scarpa dall’aderenza unica.

Le parole chiave del sistema Hoka

Active Foot Frame. Accoglie il piede come una coppa anatomica, dando supporto e protezione, senza costringerlo o soffocarlo.

Meta-Rocker. Sistema geometrico che riduce il dislivello tra tacco e punta, sfruttando la gravità e spostando il peso in avanti, così che il passo è come agevolato da una spinta propulsiva.
Profly. Il cuore del sistema di ammortizzazione, cioè l’intersuola a doppia densità che crea assorbimento anti shock ad ogni passo e stacco reattivo per ripartire.

J-Frame. Design specifico che incrementa la stabilità nella zona centrale del piede, fungendo da guida e supporto senza inserti in materiali rigidi e pesanti.

Cushioned Midsole. L’imbottitura dell’intersuola ha uno spessore variabile in base al tipo di utilizzo per cui è concepita la scarpa, quindi più sottile per una calzatura agile e veloce, più voluminoso per terreni duri, accidentati e lunghi percorsi.

Potrebbe interessarti anche:

Correre in inverno: guida all’abbigliamento

Maratone europee: le 10 da non perdere assolutamente

Le migliori app per correre